BILANCIO 2022/24: OK A EMENDAMENTO DE GODENZ PER CONTRIBUTI AD ASSOCIAZIONI CHE GESTISCONO PISCINE

60

Il consigliere De Godenz ha visto approvare, nel Consiglio che nella tarda serata di ieri ha dato il via libera al Bilancio 2022/24 un emendamento, al quale teneva particolarmente, in favore delle associazioni che gestiscono gli impianti natatori (Piscine etc.) e che non avevano visto riconosciuto alcun aiuto dallo Stato in precedenza.
“L’emendamento” ha spiegato De Godenz “fa seguito ad un ordine del giorno approvato in assestamento di bilancio a luglio e che non poteva essere attuato per una mancanza nella legislazione corrente. Mancanza che ora è stata colmata grazie a questo mio intervento, inserendo un apposito articolo – il 21 bis – nella legge provinciale 3/2020, e che ci permette finalmente di sostentare efficacemente quelle associazioni che con estrema fatica – a causa della pandemia purtroppo ancora in corso che ha bloccato per mesi totalmente e limitato in seguito gli accessi a utenti, studenti e atleti – stanno tenendo in piedi le nostre piscine.
“Sono davvero soddisfatto” ha proseguito De Godenz “perché l’allarme su questa situazione mi era giunto dal territorio, ed in particolare dall’associazione sportiva Dolomitica di Predazzo (che approfitto per ringraziare) che ora potrà tirare un sospiro di sollievo – assieme alle altre realtà che in Trentino si trovano in situazioni similari -grazie a un emendamento che stanzia per l’anno 2022 sulla missione politiche giovanili, sport e tempo libero, una cifra di euro 240.000.”
“Come avevo avuto occasione di dire anche in luglio alla presentazione del mio ordine del giorno che chiedeva una vera concretezza e un vero aiuto, ritengo prioritario sostenere le associazioni che gestiscono e portano con impegno l’operatività delle piscine, in particolare nelle nostre valli. Si tratta davvero di realtà essenziali, fortemente colpite dalla crisi e che nonostante ciò hanno continuato a dare un servizio utile ai cittadini spesso sobbarcandosi responsabilità e spese e senza aver ricevuto, fino ad ora, nulla.”
“Perciò bene che si sia arrivati a questa soluzione. Le associazioni lo meritano e ne hanno davvero bisogno per continuare a lavorare recuperando un po’ di serenità” ha concluso De Godenz