CONS. DE GODENZ: CANDIDIAMO LE DOLOMITI AD OSPITARE LE OLIMPIADI 2026

237

Il Gruppo consiliare dell’Unione per il Trentino, per voce del suo consigliere Pietro De Godenz, esprime piena soddisfazione per l’approvazione all’unanimità nell’aula del Consiglio provinciale del testo unificato Upt – Consiglieri Savoi (Lega) e Bezzi (Forza Italia), frutto di due mozioni (694 e 703) in cui si chiede l’apertura di un tavolo di concertazione per sostenere con forza la candidatura di Trentino e Alto Adige/Südtirol e Veneto ad ospitare le Olimpiadi delle Dolomiti 2026.

Già nel 2007 era nata una prima idea, esposta e poi rilanciata dall’assessore provinciale Tiziano Mellarini e dallo stesso De Godenz (allora Presidente del Comitato organizzatore) nel 2013 nel corso dei Mondiali di Fiemme e sottoposta al allora neopresidente Coni Giovanni Malagò e al Presidente della Fisi Flavio Roda.

La proposta, divenuta iniziativa dell’Euregio, ripresa dal governatore della Regione Veneto Luca Zaia, rinasce dalla consapevolezza che un’Olimpiade condivisa tra più territori uniti nella gestione e salvaguardia del patrimonio mondiale Unesco che le Dolomiti rappresentano sia vincente e unificante. Nel tavolo paritetico che la mozione (che si aggiunge a un documento analogo passato in consiglio regionale, ma che ha visto alcune riserve da parte dei consiglieri sudtirolesi) invita a istituire, saranno rappresentate anche le minoranze politiche nei rispettivi consigli provinciali/regionali. «Dopo Olimpiadi invernali fortemente impattanti, poco legate alla territorialità e dagli elevati costi infrastrutturali (Sochi 2014, PyeongChang 2016, Pechino 2018) si ritiene – precisa il Consigliere De Godenz – che l’opportunità per le Dolomiti nel 2026 sia quella di dimostrare che è possibile organizzare delle Olimpiadi slow, con un rapporto intelligente, misurato, rispettoso con territorio, ambiente, risorse naturali ed economiche. Un grande evento internazionale utile a un’ulteriore promozione del territorio». «Abbiamo ottime strutture già esistenti e sarà l’occasione – aggiunge De Godenz – per dare finalmente gambe al progettato ed ecosostenibile ring ferroviario delle Dolomiti come infrastruttura leggera di connessione, al progetto del Treno dell’Avisio e ad altre bretelle ferroviarie di collegamento in zone a vocazione turistica del Trentino».

«Come sostiene l’assessore provinciale allo sport, Tiziano Mellarini – conclude De Godenz – il Trentino ha già un’alta credibilità da spendere nel contesto dell’organizzazione di eventi di questo spessore. Ora il tavolo paritetico, per lavorare poi con il Coni nazionale e il nuovo Ministro per lo Sport».


Sotto si riporta copia della mozione come emendata dall’Aula dall’UpT in data 23 maggio 2018 e sottoscritta anche dai consiglieri Bezzi e Savoi

 

PROPOSTA DI MOZIONE

Si apra un tavolo di concertazione per la candidatura di Trentino-Alto Adige/Südtirol e Veneto per ospitare le Olimpiadi delle Dolomiti 2026

Visto e considerato che:

lo scorso 18 aprile il Consiglio regionale del Trentino-Alto Adige/Südtirol ha approvato la mozione n. 63/XV che aveva come oggetto il sostegno dell’ente regionale alla candidatura del territorio dolomitico per ospitare le Olimpiadi invernali del 2026;

tenuto conto che:

l’Unione per il Trentino ha sostenuto prima una candidatura del Trentino, poi a livello euroregionale, e ora crede profondamente in un progetto di candidatura unitaria del territorio omogeneo delle Dolomiti Patrimonio Unesco a ospitare le gare del massimo livello mondiale dedicate agli sport invernali, le Olimpiadi;

rilevato che:

si è sempre trattato di una candidatura all’insegna della sostenibilità ambientale, dell’utilizzo di impianti già esistenti, di infrastrutturazione leggera dei territori interessati, dato che ospitano centri federali di prim’ordine, con impianti all’avanguardia come lo stadio del ghiaccio di Piné, gli impianti  della Val di Fassa, di Campiglio e della Val Fiemme, oltre ad altri impianti di assoluto valore;

riconosciuta:

l’esperienza maturata dal Trentino nell’organizzazione di numerosi Campionati del mondo di sci nordico e pattinaggio, Campionati del mondo giovanili under 23, Universiadi e numerose gare di Coppa del Mondo di diverse discipline invernali;

valutata:

la grande portata economica, di promozione e d’immagine rappresentata da un appuntamento prestigioso come le Olimpiadi e il messaggio di positiva cooperazione tra territori diversi ma uniti all’insegna della difesa della montagna e della promozione dello sport;

 

il Consiglio provinciale impegna la Giunta provinciale a

 

  • sostenere la proposta di una candidatura per le Olimpiadi invernali 2026 sulle Dolomiti, tra Veneto, Trento e Bolzano;
  • farsi promotrice di un gruppo di lavoro, con rappresentanti sia della maggioranza sia della minoranza, con la Regione Veneto, la Provincia Autonoma di Bolzano e il Coni che veda la Provincia Autonoma di Trento parte attiva del progetto Olimpiadi invernali 2026.

Cons. Pietro De Godenz

Cons. Alessandro Savoi

Cons. Gianpiero Passamani

Cons. Giacomo Bezzi

Cons.  Mario Tonina