CONS. DE GODENZ: DIVIETI MEZZI PESANTI IN AUSTRIA, SOSTENERE GLI AUTOTRASPORTATORI TRENTINI

44

E’ appena stata discussa in consiglio provinciale, riunito oggi in seduta, una interrogazione a risposta immediata che il consigliere Pietro De Godenz ha voluto dedicare agli autotrasportatori trentini. L’interrogazione verteva sullo stesso tema di quella presentata pochi minuti prima dalla collega Masè – a sottolineare la preoccupazione condivisa – in relazione alla decisione del vicino Tirolo di mettere in campo nuovi divieti per il transito dei mezzi pesanti.

“L’anno nuovo per gli autotrasportatori è cominciato con un’emergenza traffico che rischia di avere risvolti pesantissimi su tutto il comparto trentino e sudtirolese e sulle attività collegate” ha infatti spiegato il consigliere “dal primo gennaio sono entrati in vigore in Tirolo nuovi divieti di transito per i TIR e i rallentamenti delle consegne, con l’impossibilità che le merci dal Trentino e dell’Alto Adige Südtirol giungano nei tempi stabiliti ai clienti posizionati oltre il confine del Brennero e viceversa, unitamente alle incertezze nei commerci e negli scambi dalla Germania verso l’Italia destano giustamente allarme.”

“Come prontamente riportato dai quotidiani locali gli addetti ai lavori e le Camere di Commercio provinciali richiedono a gran voce un interessamento dello Stato presso l’UE al fine di porre un limite a questi “balzelli indiretti” da parte austriaca e alle relative perdite che rischiano di essere davvero ingenti” ha continuato De Godenz, interrogando la Giunta per sapere se e come intenda attivarsi – sia con l’Alto Adige Südtirol che con l’Austria – per fare in modo che gli autotrasportatori trentini e le attività economiche a essi correlate non subiscano ingenti perdite a causa delle scelte viabilistiche entrate in vigore il 1 gennaio in Tirolo.

Esiste l’Euregio” ha continuato De Godenz “e questi sono i temi che vanno portati in quella sede. Qui si tratta di interessi puramente economici, non c’entrano nulla le valutazioni sull’inquinamento che sappiamo essere in gran parte provocato, tra l’altro, dai mezzi leggeri e non da quelli pesanti. Qui l’Austria sta facendo un gioco di puro interesse che va a sua volta a ledere il lavoro e gli interessi non soltanto del Trentino ma anche dell’Alto Adige e del resto d’Italia. Dobbiamo agire con forza nei luoghi preposti, insistendo e lavorando per una soluzione a partire da un chiaro confronto con i nostri vicini sudtirolesi e tirolesi.

Nel rispondere,l’assessore Gottardi ha confermato la correttezza del pensiero appena esposto dal cons. De Godenz ribadendo la necessità di muoversi a livello euroregionale e nazionale contattando nel breve anche il Ministero dei Trasporti al fine di invitarlo a farsi carico della questione, onde porre fine a questa arbitrarietà di azione da parte austriaca.

– cons. Pietro De Godenz –