CONS. DE GODENZ: FRECCIA ARGENTO AD ORA – BUON RISULTATO GRAZIE AL LAVORO DELLA MAGGIORANZA

70

COMUNICATO STAMPA

FERMATA FRECCIA ARGENTO ALLA STAZIONE DI ORA

IL CONSIGLIERE PROVINCIALE UPT PIETRO DE GODENZ: OTTIMA NOTIZIA, RISULTATO RAGGIUNTO GRAZIE ALL’IMPEGNO DI TUTTA LA MAGGIORANZA E ALL’ATTENTO LAVORO DELL’ASSESSORE MAURO GILMOZZI

“La conferma riportata dai media locali e riguardante la nuova fermata che nei fine settimana dal 10 dicembre al 31 marzo 2018 le Frecce Argento provenienti da Roma, Firenze e Bologna faranno alla stazione di Ora rappresenta davvero una positiva notizia di cui siamo molto soddisfatti” spiega il consigliere UpT della Valle di Fiemme Pietro De Godenz.

“ Questa scelta renderà più funzionali e veloci i collegamenti per i viaggiatori intenzionati a a raggiungere le Valli di Fiemme e Fassa e la zona della Bassa Atesina e darà certamente un ulteriore impulso all’attività turistica invernale che comincia così sotto i migliori auspici” continua De Godenz “tale importante passaggio si è concretizzato grazie al lavoro di tutta la maggioranza che ha appoggiato in modo convinto una mozione del collega del Patt Lozzer anche perché da tempo il Gruppo provinciale dell’Unione per il Trentino stava studiando una proposta che andasse in questa direzione, con l’assessore Mauro Gilmozzi in prima linea a disegnare un percorso viabilistico capace di favorire collegamenti funzionali tra le valli laterali del Trentino e le principali arterie nazionali percorse dalle Frecce argento provenienti dalla Capitale e dal centro Italia.”

In questo modo il Trentino si dimostra per l’ennesima volta all’avanguardia per quanto attiene alla viabilità, operando una strategia che, valorizzando la rotaia e i mezzi pubblici, crea valore aggiunto in riferimento alla proposta turistica offerta limitando nel contempo l’inquinamento e il possibile accrescimento di code e intasamento delle arterie stradali durante le stagioni turistiche.

cons. Pietro De Godenz                                                               Trento, 29 novembre 2017