CONS. PASSAMANI: SUPPORTARE GLI OPERATORI TURISTICI CONTRO I DANNI CAUSATI DA FENOMENI METEOROLOGICI

145

Nella seduta odierna del Consiglio provinciale, il capogruppo dell’Unione per il Trentino Gianpiero Passamani ha presentato una Question time intitolata UN CO.DI.PR.A. DEL TURISMO INDENNIZZI E ASSICURAZIONI SUL METEO PER GLI OPERATORI DEL SETTORE.

I cambiamenti climatici, la violenza e l’imprevedibilità dei fenomeni meteorologici, le previsioni del tempo a volte destabilizzanti incidono sempre di più sulle attività turistiche nella nostra Provincia e non solo sul comparto della produzione agricola” ha esordito il Capogruppo UpT, che ha proseguito “l’ estate 2014 si è rivelata eccezionalmente piovosa, il luglio 2015 particolarmente caldo, l’inverno 2016/2017 avaro di precipitazioni e i mesi di febbraio e marzo 2017 caratterizzati da temperature miti, superiori alla media. Gli agenti atmosferici – nubifragi, grandine, piogge persistenti, temperature fuori norma, assenza di precipitazioni nevose – sempre più spesso costituiscono un elemento di mancati ricavi per gli esercenti di strutture turistiche (alberghi, campeggi, agricampeggi, stabilimenti balneari, acropark, parchi avventura, ski-area, attività di noleggio natanti/bike/attrezzature sport outodoor).”

Pertanto, Passamani ha interrogato la Giunta Provinciale sull’ eventuale valutazione e promozione di strumenti di indennizzo sul modello del CO.DI.PR.A., atti a favorire la copertura assicurativa degli operatori del settore in base a rigidi parametri e soglie predefiniti e rilevati da centraline meteo di riferimento presenti sul territorio provinciale.

Rispondendo al cons. Passamani, l’assessore Dallapiccola ha spiegato come effettivamente il tempo metereologico influisca molto sulle attività turistiche ma anche su quelle legate all’agricoltura.

“Già nel 2008” ha ripreso “la Provincia aveva approfondito il tema tramite appositi gruppi di lavoro e aveva anche pubblicato un rapporto specifico in merito, nel quale erano state indicate strategie di adattamento, comprese anche quelle riferite alla politica turistica, evidenziando come nel lungo periodo risulti più efficace una strategia generale volta a favorire la diversificazione della proposte all’interno delle destinazioni trentine. Per intervenire dal punto di vista finanziario invece servirebbe una previsione normativa, cioè l’allocazione di rilevanti risorse e poi naturalmente anche una specifica previsione; si entrerebbe però a quel punto nel meccanismo di aiuti alle imprese che vanno nella direzione di sostenere la gestione e quindi potrebbero essere concessi contributi solo a titoli di “de minimis” e quindi di piccola entità, come prevede anche l’Unione Europea, per non generare difetti di concorrenza. L’ applicazione di strumenti contributivi, così come di strumenti di natura assicurativa – come proposto dal cons. Passamani – presenta quindi limiti sia per quanto attiene la definizione dei parametri, sia per quanto attiene la definizione delle soglie predefinite sulla base dei dati meteorologici.”

Nella replica Gianpiero Passamani ha ribadito “capisco che il tema sia molto delicato e complesso, ma ho avanzato la proposta della mia interrogazione dopo aver ascoltato alcuni operatori turistici della Valsugana che già stanno lavorando da tempo per approntare quegli strumenti assicurativi da me proposti in premessa; Tra l’altro, gli stessi si sono già messi in contatto con assicuratori londinesi che paiono interessati seriamente alla questione. Per questo mi rendo disponibile, se lei lo fosse a sua volta, pur capendo le difficoltà appena espresse, ad organizzare a breve un incontro istituzionale con gli operatori turistici interessati. In questo modo gli stessi potrebbero portare alla conoscenza sua e dell’assessorato le ricerche svolte e le possibilità emerse fino ad oggi e, assieme, potremo definire un quadro maggiormente preciso e studiare eventuali strumenti finanziari e assicurativi a tutela del comparto turistico, fondamentale per la Valsugana e ovviamente per tutto il Trentino.

Qui copia Question time cons. Passamani Co.di.p.ra per il turismo trentino

cons. Gianpiero Passamani