CONS. TONINA: VISITE DERMATOLOGICHE CONVENZIONATE ALLE TERME DI COMANO – ORA...

CONS. TONINA: VISITE DERMATOLOGICHE CONVENZIONATE ALLE TERME DI COMANO – ORA SI PUO’

Visite in convenzione con l’impegnativa dei medici del Servizio Sanitario Nazionale e dell’APSS trentina. Tempi di attesa più brevi e un servizio in più sul territorio.

Nel Consiglio provinciale di marzo è stata approvata all’unanimità una mozione proposta dal consigliere provinciale Mario Tonina grazie alla quale si potranno effettuare in regime compartecipativo (convenzione con l’Azienda provinciale per i servizi sanitari e il Servizio Sanitario Nazionale) anche presso le Terme di Comano visite specialistiche dermatologiche. Ciò significa che quando gli utenti effettueranno la prenotazione attraverso il CUP (Centro unico di prenotazione), con prescrizione del medico, potranno scegliere di essere visitati anche presso le Terme di Comano.
“In un contesto di sviluppo del sistema termale trentino” – sostiene il consigliere Tonina – “pare opportuno che un centro altamente specializzato nelle cure dermatologiche come le Terme di Comano possa convenzionarsi con l’APSS per erogare visite specialistiche dermatologiche, garantendo l’accesso a tali prestazioni a tutti gli utenti che ne facciano richiesta presentando l’impegnativa del medico del Sistema Sanitario Nazionale”. “Proprio a fronte della numerosa casistica presente alle Terme di Comano” – aggiunge Tonina – “tali visite verranno effettuate da medici specialisti di grande esperienza e si ridurranno, inoltre, le liste di attesa”.
Una convenzione che, a regime, contribuirà ad accorciare una tempistica di attesa che si attesta attualmente in circa tre mesi (primo appuntamento preso a gennaio, visita ad aprile a Pozza di Fassa) o cinque mesi per una visita a Tione.
Intento della mozione era anche quello di riconoscere a un territorio di periferia, quello giudicariese, la sua specificità e competenza nel settore dermatologico, rendendo concreta la possibilità di non accentrare tutti i servizi nei centri maggiori, ma di decentrarli per garantire un’elevata qualità e una più capillare fruibilità.
La sottoscrizione della convenzione permetterà alle Terme di Comano di rafforzare ulteriormente la propria vocazione sanitaria. L’unicità e l’efficacia dei trattamenti, con la sottoscrizione della convenzione proposta dalla mozione Tonina, rafforzano l’identità del polo termale giudicariese come “centro dermatologico d’eccellenza”.
La mozione approvata a marzo è l’ultimo atto politico di diverse iniziative proposte in questi anni dal consigliere Tonina e approvati dal Consiglio provinciale riguardanti le Terme del Trentino: passaggi che vanno dal favorire la libera fruizione, da parte di tutti i cittadini dell’Euroregione, delle prestazioni termali erogate negli stabilimenti presenti nell’Euregio (Tirolo, Alto Adige e Trentino), alla valorizzazione della biospecificità e delle proprietà terapeutiche delle acque termali attraverso la ricerca scientifica.
La struttura di Comano da sempre è impegnata sul fronte degli investimenti in ricerca per valorizzare la risorsa naturale di cui dispone: in questi anni gli studi sulle proprietà chimico-fisiche delle acque termali di Comano sono confluiti in lavori scientifici pubblicati su riviste di settore che hanno certificato e rilanciato il ruolo di eccellenza delle Terme di Comano quale centro primario per il trattamento delle malattie della pelle.
“Le Terme di Comano sono il volano principale dello sviluppo economico delle Giudicarie esteriori e delle zone vicine” – rimarca Tonina – “e far crescere e sviluppare le Terme di Comano vuol dire far crescere un’intera valle che ha sempre riconosciuto all’attività termale il ruolo di core business del territorio, ma significa anche valorizzare tutto il comparto termale trentino e l’intero sistema sanitario fornendo nuovi servizi decentrati in un momento storico in cui invece la tendenza dominante è piuttosto l’accentramento”.

FONTE: Giornale delle Giudicarie – Aprile 2017